castagna%2520matta_edited_edited.png

11 - 20 dicembre

La castagna matta

7 spettacoli in 10 giorni, che puoi vedere nel salotto di casa tua, sul tablet, sul telefonino in diretta live streaming sui canali social del TEATRO TRIESTE 34, da solo/a o con i tuoi famigliari.

Teatro per adulti, teatro per famiglie, danza contemporanea, visual comedy, ogni giorno uno spettacolo dal vivo che verrà realizzato sul palcoscenico del Teatro Trieste 34 e trasmesso in live sui canali social del Teatro.

Un esperimento dettato dalla voglia di non lasciare i nostri amici senza teatro e di non lasciare che questo brutto momento fermi il nostro lavoro.

Speriamo che questa proposta ti incuriosisca, ti faccia venire voglia di Teatro, quindi passa al botteghino, entra in sala, sideiti e aspetta che scenda il buio. Inizia lo spettacolo.

VENERDI' 11 DICEMBRE

ORE 21.30

SERENA VERGARI

"hOLY bOOBS"

Una donna comune con l'ossessione per il bello, stanca di non essere più all'altezza dello stereotipo imposto dall'immaginario collettivo, proverà in tutti i modi ad essere accettata e a accettarsi, fino al punto di stravolgere completamente il suo aspetto con una operazione chirurgica estrema.

Gags clownesche si susseguiranno al servizo della storia generando empatia con il pubblico che, dopo aver riso per tutto lo spettacolo, si troverà a trovare pena per questa ragazza ingenua e insicura.

Spettacolo a solo di una delle poche clown donna italiane.

spettacolo comico visuale

adatto ad un publico misto

Locandina Holy Boobs (ITA)_page-0001.jpg
image.png

SABATO 12 DICEMBRE

ORE 21.30

KINESIS CDC

"VISION"

Kinesis Contemporary Dance Company è un progetto che prende vita ufficialmente nel 2012 dall’idea di Angelo Egarese ed Elena Salvestrini.
Giovane realtà fiorentina, nasce dall’esigenza di esprimere il proprio concetto di danza contemporanea, dando vita ad una compagnia professionale, in cui la ricerca e la sperimentazione si fondono in un’espressione unica e sempre più indistinguibile che permette di proporre ad un pubblico eterogeneo un linguaggio sconfinato e sempre in continua evoluzione tra coreografia e teatralità.
Dal 2017 la direzione artistica è affidata ad Angelo Egarese, coreografo residente della compagnia

NUOVA PRODUZIONE

spettacolo danza contemporanea

domenica 13 DICEMBRE

ORE 19.30

N.A.T.A.

"RAVANELLINA"

Protagonista dello spettacolo è Ravanellina, una ragazza che viaggia in giro per il mondo dentro un baule. Nel giorno del suo compleanno decide di rivivere insieme agli invitati alla festa tutta la sua storia.
Inizia così il racconto dei suoi anni di prigionia: di come, per troppa curiosità, ha scavalcato il muro di cinta dell’orto della terribile Agrimonia,che la rinchiude con se’ nella torre; dei suoi tentativi di fuga, del rapporto con la strega,cattiva; dell’incontro con Pietro, il suo principe, e infine del coraggio necessario per affrontare tutte le proprie paure.
A far da sfondo a questa vicenda, una natura rigogliosa, vitale e magica, aiutante silenzioso della protagonista e innesco primo della storia: sono infatti dei ravanelli prodigiosi, colmi di pensieri felici, che danno l’avvio alla storia di Ravanellina.
Teatro d’attore (d’attrice!) e pupazzi si mescolano in una narrazione divertente e delicata, nella quale la musica e il canto (da Scarlatti a Mozart, passando per le canzoni popolari) scandiscono il ritmo degli eventi e colorano le atmosfere.

spettacolo per famiglie

ravanellina.jpg
Fuga2 Ph.Franco Covi.jpg

MARTEDI' 15 DICEMBRE

ORE 21.30

EGRIBIANCO DANZA

"FUGA - L'ULTIMO RIFUGIO"

Mai più di oggi il termine rifugio è tornato in auge: rifugiarsi dove? Da chi? In noi o altrove? Questisono stati alcuni degli spunti di riflessione per la creazione dello spettacolo. Dai bombardamenti eattentati  di varia matrice in tutto il mondo in “una terza guerra mondiale” non dichiarata, cerchiamo rifugio da una fuga , da minacce più o meno concrete. La cornice del rifugio antiatomico del Soratte ispira Raphael Bianco a rappresentare situazioni di attesa, fuga, scampo, nell’ambiente claustrofobico di
uno spazio che è stato testimone di sofferenza e strategie militari e dove danza e musica dal vivo interagiscono nella linea contemporanea di un dialogo aleatorio evocando suggestioni e stati d’animo attraverso l’interazione fra suono e gesto danzante. La presenza del video del regista Stefano Rogliatti, permetterà di valorizzare ulteriormente questo luogo affascinante rendendo visibile luoghi altrimenti non accessibili al pubblico. La concomitanza di più piani di azione rinforzerà la riflessione sulla guerra e la violenza di tutti i tempi con un forte coinvolgimento del pubblico presente attraverso uno spettacolo multimediale di forte impatto teatrale e che riserva in ultimo uno slancio di speranza per tempi migliori.

spettacolo danza contemporanea

MERCOLEDI'16 DICEMBRE

ORE 21.30

ECCENTRICI DADARO'

"SENZA FILTRO"

UNO SPETTACOLO PER ALDA MERINI

1 novembre. È “la notte dopo”.
L’ultimo appuntamento per chiudere una storia, per mettere un finale a un libro di appunti scritti giorno per giorno, attimo per attimo, battito per battito. Pagine che in un istante volano via.
Il luogo dell’appuntamento: il Bar Charlie, sui Navigli di Milano, dove l’Alda passa giornate a scrivere, parlare, ridere, incontrare, fumare, consumare la sua voglia di stringere in mano una vita troppo spesso lontana dal mondo. I protagonisti: un angelo custode e “l’Alda”. Ma oggi è “dopo”. È tutto vuoto al bar. Nemmeno un caffè. Dove sono finiti il Pier, la Ginetta, il Renato, il Giancarlo, dov’è l’Alda?
Eppure sembra ancora di sentirle quelle voci e di rivederle quelle facce, facce in bilico, facce incompiute, facce di anime amanti di un amore senza filtro, che non si protegge dalla vita, di un amore vietato, perché troppo amore ti cambia, ti rende diverso, ti rende pericoloso.. e allora meglio rinchiuderli quelli così, meglio rinchiuderli dentro una casa, dentro un ruolo, dentro una corsia di manicomio, dentro un bar.
Due sedie, una macchina da scrivere, un finale da trovare. Ora. L’epilogo del libro di una vita e l’Alda non c’è.. o forse aspetta che il suo custode, quello strano clown che non
capisce bene come funziona la vita, impari a fumare.. Fantasmi, angeli, uomini… oggi la terra sembra non essere mai stata tanto vicina al cielo. E quella musica del Charlie.. sembra quasi di sentirla ancora Senza filtro è un invito a conoscere il “dietro le pagine” di una donna che fu un inno alla Vita e all’Amore, quell’Alda Merini condannata e salvata dalla sua poesia

spettacolo pubblico adulto

Senza filtro hd.jpg
Mostry -applausi.jpg

GIOVEDI' 17 DICEMBRE

ORE 19.00

ECCENTRICI DADARO'

"MOSTRY"

Lui è Mostry. Nato, preparato, allenato per fare paura. Come qualunque mostro.
E come qualunque mostro, il suo pubblico ideale è quello di tanti bambini, preferibilmente piccoli, quando ancora la ragione non li aiuta troppo a difendersi dalle paure.
Oggi per Mostry è il primo giorno di lavoro, è il primo show. Per la prima volta si esibirà davanti a un pubblico. Non vuole essere secondo a nessun mostro lo abbia preceduto, e ha con sé tutto il suo campionario di strumenti terrificanti: maschere, suoni, luci, colori, parole, azioni, atmosfere, suggestioni…non ha dimenticato nulla. Sarà un’esibizione memorabile la sua.
Mostry sogna: sogna il grido dei bambini, le manine che si stringono, gli occhietti che diventano lucidi, le vocine che si fanno rauche… Ma con i sogni arriva anche la paura… come la paura? Mostry è il più mostro dei mostri! Cosa c’entra la paura? Sì, ma se non grideranno? Se non si stringeranno uno all’altro per sentirsi un po’ più forti? Se non si faranno piccoli piccolissimi nelle poltroncine come per sparire? Se lui non farà paura, sua mamma si arrabbierà e lo punirà, proprio lei che ha sempre fatto tanti sogni su di lui…che fosse il più grande, il migliore, il più terrificante di tutti i mostri..
E così Mostry scopre cosa è davvero la paura, quella più grande, quella di tutti, quella che ti accompagna sempre. La paura di non essere adatto, di deludere le aspettative, di non essere all’altezza, di essere come invisibile…in una parola: solo.
Ma forse Mostry sta per scoprire una cosa ancora più importante sulla paura: che l’unico modo per uscirne è affrontarla con tutta la forza che ha, guardarla in faccia da vicino e magari scoprirla diversa da come credeva…insomma imparerà anche lui che forse certi mostri, se li guardi bene bene, non sono poi così brutti come sembrano…così come quei bambini dovranno guardare lui, per ritrovarsi poi più forti, un po’ meno spaventati, un po’ più uguali nel coraggio, un po’ meno soli.
E allora accendete tutte le luci sul palco, preparate le manine per stringervi, gli occhietti per piangere, le vocine per gridare…sarà uno spettacolo terrificante, spaventoso, di cui non vi dimenticherete mai…di cui da domani riderete per tutta la vita!

spettacolo per famiglie

VENERDI' 18 DICEMBRE

ORE 21.30

PKD - FILIPPO ARCELLONI

"LA BUONA LUNA"

In scena un attore, una botte imbandita con salume, formaggio, pane, due bicchieri e una bottiglia di vino; ai due lati un leggio ed una chitarra. Dal momento della apertura della bottiglia il tempo quotidiano incomincia a retrocedere, per lasciare spazio ai sogni e alla memoria che il vino fa tornare a galla dal profondo dell’anima dell’uomo. 

Incrociando l'amore per il vino con l'amore per una donna , il protagonista, mescola, in modo ironico, i due rapporti creando punti d'incontro e distanze, raccontando tradimenti e fallimenti distillati dal piacere di un buon bicchiere di vino.

Parlare del vino vuol dire anche sorridere, ricordare la prima volta che lo abbiamo gustato, giocare a descriverne il carattere, ricordare i brindisi, scherzare sulla vita degli astemi.

Uno spettacolo ironico e a volte serio, cercando di regalare al pubblico emozioni come quelle che solo il vino sa dare.

spettacolo per adulti

IMG_5709.jpg